expr:class='"loading" + data:blog.mobileClass'>

mercoledì 23 dicembre 2015

Pane leggero "Di Cristo"







Questo pane è fatto secondo lo stile e le preziose indicazioni del mio amico Carlo Di Cristo, un appassionato panificatore che con generosità condivide la sua esperienza. Insieme ad altri amici ci divertiamo sperimentando sul campo le nostre idee e condividendo le nostre conoscenze.
Se volete conoscere e approfondire i suoi lavori visitate il suo blog, troverete molte cose interessanti 
 


Eccovi la ricetta di questo fantastico pane un pò riadattata da me

INGREDIENTI
  • 600 gr. di farina semintegrale tipo 1 di media/alta forza  
  • 430 gr. di acqua t.a.
  • 70 gr. di prefermento *
  • 15 gr di sale

per chi volesse usare del li.co.li. usi la stessa dose l'importante che sia maturo e rinfrescato nelle ultime 12 ore.

martedì 22 dicembre 2015

Pangiallo di Daniela Di Giuseppe - dolce tradizionale



Questa ricetta tipica del territorio della Sabina è frutto della generosa condivisione della mia amica Daniela Di giuseppe. Le sono grata per avercela voluta donare, dato che è un tesoro che tramanda dalle tradizioni della sua famiglia. La riporto integralmente così come lei l'ha condivisa:

"Vi voglio far dono di una ricetta che mi è tanto, tanto cara. Il dolce in Sabina, terra d'origine di mia madre, viene chiamato pangiallo, ma giallo non è.
Lo faceva mia nonna con una ricetta tramandata di madre in figlia e per noi non era Natale senza pangiallo.


Pangiallo, dolce natalizio tipico della Sabina
LA RICETTA
per dieci/dodici pangialli

Ingredienti:

  • 100 g di canditi (cedro e arancio)
  • 200 g di uvetta fatta rinvenire nel rum
  • 1 kg di frutta secca mista (noci, nocciole, mandorle - io ho messo anche noci di macadamia e noci pecan)
  • 200 g di pinoli
  • un pugno di fichi sechi tagliati in quattro pezzi ognuno
  • 1 kg di cioccolato fondente
  • 300 g di miele
  • 300 g di zucchero
  • 1 bicchiere di caffè
  • 1 bicchiere d'olio evo
  • 1 bicchiere di liquori misti (io rum, brandy e sambuca)
  • 100 g di cacao amaro
  • 3 albumi
  • la scorza di un'arancia e di un limone bio grattugiati
  • farina q,b, ad addensare il composto consentendo la formazione dei panetti
io ho aggiunto un pizzico di sale, che esalta tutti i sapori, una spolverata di pepe, cannella e noce moscata

venerdì 18 dicembre 2015

I miei sonetti sul pane e non solo......






Se il sorriso viene meno
Non temere pel sereno
Perché il cielo che si oscura
Sfoga in pioggia la paura:
Togli l'acqua dai tuoi occhi
Fa che l'astio non ti tocchi.... 
Gira il volto dal tuo lato 
E poi stringimi la mano. 
Il contatto ed il calore 
Scalderà di nuovo il cuore
E con gioia ritrovata 
Lascerai la vecchia strada. 








Con languore e tanto amore
Sento già riempirsi il cuore
Orsu' dunque miei contatti
C'è chi inizia a fare i pacchi
C'è chi impasta con gran zelo
E felice mostra il velo
Prepariamoci alle feste
E non montiamoci le teste:
Iniziamo tutti insieme
Sin da ora a sparger il seme
E a raccogliere l'amore
Anche quando il Signore
Dal presepe illuminato
Tornerà inscatolato.










Fare il pane
Mi fa bene
Mi rinfranca dalle pene.
Nei bei pani profumati
Ci son giochi di primati.
Quante forme e bei colori
Ma non mancano i dolori:
Il sorriso e la carezza
Spesso celano amarezza,
Gente allegra e spensierata
Che prepara la mazzata.
Orsù dunque miei contatti
Non perdiamoci coi matti:
All'impasto ritorniamo
E sporchiamoci la mano!